Entrare in un ristorante e sentirsi a casa? Qui si può: l’accoglienza festosa di Alessia, una invasione colorata di tovaglie a quadretti bianche e rosse, dolci vasetti su ogni tavolo con un fiore sempre fresco, l’atmosfera ristrutturata della “sala delle scritte”, una vecchia stalla di cui si percepisce ancora il ricordo negli oggetti di vita agreste sparsi qua e là, nelle credenze e nei mobiletti antichi, nei piccoli particolari … un libro … una bottiglia, un grammofono … semi di vita …


Editing by Davide Severgnini. All rights Reserved.